Ferrara “monomaniaca”

Bisogna essere monomaniaci per ottenere risultati duraturi in ogni campo. Ci vuole passione e competenza innanzitutto. Solo così si può produrre ricchezza e attivare un efficace motore economico.
Guardate Ferrara. Non perde occasione per proporre la bicicletta e valorizzarne l’immagine,  che ha ormai eletto a simbolo del suo territorio. E’ come se fosse il suo stendardo. Gandhi riuscì a metterci il filatoio a mano nella bandiera dell’India, Ferrara potrebbe fare la stessa cosa con la bicicletta.
E’ marketing territoriale.  Perché, mica avremmo parlato di Ferrara oggi se non ci fosse stato il simbolo qui accanto.
Si tratta del logo del neonato servizio wifi che la città ha reso disponibile in questi giorni. Con la bicicletta sembra non avere molto a che fare.
A meno che…
a meno che non ci spostiamo oltre oceano in quei territorio dove stili di vita e arte si sposano con la bicicletta. Li’ riusciamo a trovare un solido nesso tra il wifi e la bicicletta: la bicicletta che diventa un hotspot wifi capace di servire zone assillate dal digital divide.
Partite da qui, dal progetto magic bike di Yury Gitman

Leave a Response