“La Strada Giusta”. In bici per i 150 dell’Unità d’Italia

In bicicletta alla scoperta dei luoghi che hanno caratterizzato il Risorgimento per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Complessivamente l’iniziativa La Strada Giusta prevede più di 40 tappe, 2.800 chilometri e tutte e 20 le regioni coinvolte. A fare da testimone della staffetta, la “Carta d’Identità”, un documento che viene presentato ai sindaci delle principali città, per apporvi il timbro municipale. Il via ufficiale alla bici-staffetta, con la partenza del primo percorso, è stato dato il 26 aprile da Marsala, città simbolo del processo di unificazione grazie allo sbarco dei Mille. Da qui i ciclisti hanno percorso circa 10 tappe, e ne percorreranno altre 10 fino ad approdare a Firenze. Il secondo itinerario partirà il 14 maggio da Trieste, con destinazione Milano, in 6 tappe. Sarà poi la volta di di Olbia-Cagliari-Genova, 6 tappe, a partire dal 2 giugno. Quindi, partirà la Bari-Reggio Emilia-Torino (13 tappe per 1.200 Km, con partenza dalla sede del Municipio, la mattina del 4 giugno dopo l’incontro con il Sindaco per l’annullo della pergamena). Infine Aosta-Torino, passando per Ivrea, dal 15 giugno. L’arrivo a Torino, dove dal 16 al 19 giugno si svolgerà il 24° Cicloraduno nazionale FIAB, vedrà i partecipanti di tutti e 5 gli itinerari convergere verso un unico punto, per una manifestazione pubblica alla presenza delle autorità.

 “Per partecipare alla staffetta è sufficiente iscriversi sul sito www.stradagiusta.it – continua Massimo Cerioni, Consigliere nazionale FIAB. – Basta scegliere la tappa e lasciare il nominativo. Almeno cinque ciclisti che si allenano già da tempo sono comunque presenti ad ogni chilometro di ogni singola tappa”.

Tagged as: , , ,

Leave a Response