Bretelle, giubbotti e imbecilli

” Il conducente di velocipede (ma dai ancora a parlare di velocipedi! ndr) che circola fuori dai centri abitati da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere e il conducente di velocipede che circola nelle gallerie hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilita’, di cui al comma 4-ter dell’articolo 162″
Da ieri in Italia è entrata in vigore la legge 120/2010 del 29 luglio scorso che ha modificato il codice della strada (D.L. n. 285 del 1992). E’ scattato pertanto l’obbligo per i ciclisti di indossare giubbino o bretelle catarifrangenti quando circolano nelle ore serali fuori dai centri abitati o in gallerie dove consentito. Quanti lo sanno? Dove sono i media a informare? E i vigili? Informeranno o stangheranno? Lo vedremo. Noi che di giubbini e luci facciamo gran uso da anni, in genere non abbiamo molte certezze. Ma di una cosa siamo certi:  emozionarsi a “guidare come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere  se poi è tanto difficile morire”  è roba da imbecilli, con tutto il rispetto per gli imbecilli.
Quasi quanto continuare a definire le biciclette con il termine velocipedi.

Leave a Response