Bikemi perturbato

La neve ferma BikeMi. La conferenza stampa prevista per oggi alle 12.30 e che avrebbe sancito l’inaugurazione del bike sharing milanese è stata spostata a mercoledì 3 dicembre.
Oggi – si legge sul sito predisposto per il servizio – “è in arrivo una forte perturbazione a Milano che porterà pioggia ed anche neve. Il Comune, insieme ad ATM, hanno quindi spostato l’avvio del bike sharing alla settimana prossima.”
Eccoci perciò ad aspettare il tanto atteso varo del servizio, che ammicca al Velib parigino senza averne le dimensioni: 1300 biciclette destinate a diventare 5000 in primavera contro le 20.000 della capitale francese.

Rimane comunque l’esperienza di bike sharing più robusta del nostro paese, che va ad aggiungersi a un altro provvedimento in linea con la mobilità sostenibile: l’ecopass inaugurato nove mesi fa e che sembra stia dando i suoi frutti.

E aspettando il varo, emergono alcune perplessità sollevate soprattutto dalla storica associazione Ciclobby, emanazione milanese della Fiab, che lamenta attraverso dichiarazioni del suo presidente Eugenio Galli, l’abbandono di fatto del Piano di mobilità ciclistica del Comune e la mancanza di una rete di percorsi ciclabili degna di questo nome.
Il rischio è infatti quello di esporre questi utenti deboli della strada ai pericoli della città  pensata per le auto e non per gli uomini, senza poter contare sull’effetto “massa critica” di esperienze come quella parigina.
In ogni caso facciamo un grosso in bocca al lupo a BikeMi e a tutti i ciclisti milanesi. Solo se sarete tanti rischierete di farvi meno male.
Qui sotto l’intervista a Eugenio Galli rilasciata al blog di Beppe Grillo.

Tagged as: , , ,

Leave a Response