La montagna in punta di pedali

Arriva il primo raduno nazionale C.A.I. di cicloescursionismo in mountain bike. Appuntamento il 18 e il 19 ottobre nel Parco dell’Aveto a Borzonasca (GE). Due giorni, fra tavola rotonda, pedalate e immancabile momento conviviale. Al convegno di sabato pomeriggio prenderanno parte i rappresentanti di otto regioni d’Italia “con il compito di definire ed approfondire gli aspetti principali della tematica, soprattutto in merito all’inserimento della mtb all’interno della storia e della cultura C.A.I., per una pratica della mtb non invasiva, ambientalmente ecocompatile, rispettosa delle altre frequentazioni” come si legge nelle note di presentazione dell’evento. Rapporto antico quello fra il C.A.I. e la mountain bike. Se le prime sezioni del Club alpino italiano hanno aperto le porte a questa attività già venti anni fa, oggi sono centoquaranta le sezioni che propongono cicloescursionismo nei loro programmi ufficiali. Questi i titoli degli interventi al convegno:
  • La montagna in punta di pedali: il cicloescursionismo come attività del Club Alpino Italiano;
  • Ambiente montano e mtb: quale equilibrio possibile?;
  • C.A.I. e mtb: come la periferia ha vinto la volata sul centro; Cicloescursionismo montano: una risorsa per il Parco.

E domenica si passa dalla teoria alla pratica con un percorso ad anello di 32 km, circa  900 m di dislivello. Previsto un tratto di circa 2 km di falsopiano tecnico con tratti non ciclabili (ma c’è il percorso alternativo su sterrata). Lungo il percorso verrà offerta da parte del Parco una merenda a base di prodotti locali in una tipica malga appenninica. Per chi non ha la bici, si organizzano camminate nel Parco.
Info su www.mtbcai.it

Leave a Response