Castel San Pietro Terme e la “sua” Linea gotica

Sui luoghi della Memoria in Bicicletta

La partecipazione a questo evento è ormai conclusa.

Data di scadenza: May 26, 2012

Firme raccolte: 9

Obiettivo per le sottoscrizioni: 400

9 signatures

Comune di Castel San Pietro Terme, ANPI e Associazione La nostra linea Gotica

in collaborazione con Montesole Bike Group, www.ilikebike.org e ASD Sillaro

presentano

Sui luoghi della Memoria in Bicicletta

Escursione in bici con prenotazione

 

 

Ritrovi: (da Bologna) In stazione Centrale

OGNI TRENO HA 15 POSTI DISPONIBILI E SARANNO RIEMPITI IN ORDINE DI PRENOTAZIONE IN QUESTA SUCCESSIONE

ore 7.45 in Stazione Centrale per treno  in partenza alle ore 7.58

ore 7.25 in Stazione Centrale per treno in partenza alle ore 7.41


Ritrovo per tutti:  ore 8.30 dalla Stazione di Castel San Pietro Terme

Per informazioni e prenotazioni da Castel San Pietro Terme:
Bibì Bellini – bibi.bellini@gmail.com – cell. 349 0900901

Guida: Bibi Bellini del Monte Sole Bike Group, Luigi Mengozzi dell’associazione Sillaro di Castel San Pietro Terme. Il percorso in bici da corsa è guidato da Mauro Melloni.

L’escursione si snoda lungo un percorso ad anello che toccherà prima in pianura e poi in collina 5 luoghi significativi dal punto di vista storico del territorio di Castel San Pietro Terme. E’ pensato sia per chi si muove in Mountain bike che per chi usa la bici da corsa e nella prima parte per chiunque.

La prima parte del percorso fino a Gaiana è pianeggiante, praticabile con qualsiasi bicicletta e alla portata di tutti. Dopodiché il gruppo si dividerà lasciando a ognuno secondo le sue possibilità e mezzi di ritornare a Castel San Pietro Terme o di proseguire per il resto del percorso, in questo caso in Mountain bike o in bici da corsa per chi vorrà raggiungere Casalecchio dei Conti e Montecalderaro esclusivamente su strada asfaltata.
Il percorso ha come finalità la salvaguardia della memoria e la valorizzazione del territorio inteso anche come patrimonio storico e di identità collettiva. In questo senso il percorso che si svolgerà per la prima volta quest’anno ambisce a diventare momento ricorrente e fruibile da chiunque per gli anni a venire.

La Linea Gotica era la linea del fronte che durante la seconda guerra mondiale spezzava l’Italia in due parti ed ha coinvolto, per sei mesi, dall’autunno del 1944 alla primavera del 1945 anche il territorio di Castel San Pietro Terme (Bologna), qui con alcune peculiarità:
la zona di Montecalderaro – Monte Grande, a pochi Km dalla via Emilia, rappresentava il punto più a nord, conquistato dalle forze alleate e fungeva da “cerniera” tra le aree di influenza della V armata americana a ovest e l’ VIII armata Britannica a est.

I 6 mesi di fronte di guerra, (fatto non comune nella storia di una comunità) hanno segnato profondamente il territorio e le coscienze di chi abitava: tante sono state le abitazioni distrutte, tante tracce si possono ancora trovare (proiettili, munizioni ecc, anche oggi) sotto pochi centimetri di terra.

E chi visse quei momenti ha continuato a testimoniare gli orrori della guerra, come la peggiore tragedia possibile. Per ripercorrere quei giorni Davide Cerè del comitato “La nostra Linea Gotica” e autore del libro “La resistenza della memoria” illustrerà brevemente i fatti accaduti in ognuna delle 5 tappe previste in questo “percorso della memoria”.

 

LE TAPPE

GAIANA: luogo che ha visto l’ultima sanguinosa battaglia per la liberazione di Bologna; ne furono protagonisti, oltre ai paracadutisti tedeschi, il 2° Corpo di armata polacco. Decine di famiglie civili restarono distrutte nei bombardamenti,

CASALECCHIO DEI CONTI; altro versante (a sud della via Emilia) della battaglia sul torrente Gaiana; qui furono i soldati italiani dei Gruppi di Combattimento Friuli e Folgore a essere impegnati nei compattimenti.

MONTECALDERARO – luogo più a nord, saliente difensivo in mano alleate. Qui si ergeva una chiesa del ‘700 (San Martino), distrutta dalla guerra. Lo spezzone che è rimasto vuole essere “luogo simbolico” di testimonianza e di pace.

MONTE GRANDE: importante altura conquistata dagli americani dei Blue Devil’s dal 20 ottobre 1944 e mantenuta come luogo chiave del fronte. Successivamente sarà difesa anche da Britannici.

MONTECERERE; luogo che ha visto formarsi, nell’antica pieve, la formazione partigiana della 66ma Brigata Garibaldi. Successivamente vi fu un combattimento per la difesa dell’altura da parte di soldati della divisione Indiana.

Ritorno a Castel San Pietro lungo la valle del Sillaro

 

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO LUNGO

Ciclisticamente il percorso si snoda per circa 50 Km. mediamente impegnativi, con un dislivello in ascesa di circa 900 m.

Sono circa 10 e in pianura i km per chi vorrà visitare solo Gaiana e altrettanti per ritornare a Castel San Pietro.

Si percorreranno perlopiù strade secondarie e per un 30% circa sentieri, cavedagne, strade ghiaiate. E’ necessaria la prenotazione, la mountain bike in ordine per chi vuole fare il percorso completo, casco e autonomia alimentare.

Programma: – ritrovo: ore 8,30 alla stazione ferroviaria di Castel San Pietro Terme (Per chi arriva da Bologna e vuole usare il treno, il ritrovo è in Stazione Centrale a Bologna secondo la legenda evidenziata sopra.

Rientro nel pomeriggio in treno dalla stazione di Castel S. Pietro o in bicicletta per chi volesse.

Per Prenotazioni treno in partenza da Bologna

Segreteria montesole – segreteria@montesolebikegroup.it

Per informazioni e prenotazioni da Castel San Pietro Terme:
Bibì Bellini – bibi.bellini@gmail.com – cell. 349 0900901

L’iniziativa è frutto di una collaborazione tra:

Monte Sole Bike Group – Fiab di Bologna

Associazione ciclistica Sillaro di Castel San Pietro Terme

Comitato “La nostra Linea Gotica” di Castel San Pietro Terme

 

AVVERTENZE:

– I partecipanti non iscritti all’Associazione Monte Sole Bike Group, dovranno stipulare una polizza assicurativa giornaliera (Polizza FIAB RCT+Infortuni), versando la quota di Euro 2,00 per persona e per giorno di attività. I ragazzi di età inferiore ai 12 anni accompagnati da un genitore, sono esclusi dal pagamento della quota assicurativa, ma sono ugualmente assicurati.
– Raccomandiamo inoltre di controllare il buon funzionamento di tutte le parti del vostro mezzo meccanico (la bicicletta!!!). È buona regola rendersi indipendenti per le riparazioni: oltre alle camere d’aria di scorta o alla bomboletta spray, è bene essere dotati di attrezzi adatti alla vostra bici: cacciavite, chiavi e brugole ecc. Inoltre è opportuno avere con sé piccole parti di ricambio: fili dei freni e del cambio, pattini o pastiglie dei freni, falsa maglia per catena ecc.

 

Percorso tracciato e guidato
da

Energia partigiana fornita da:


Leave a Response