La nostra città satura di suv

Lo scrittore Pino Cacucci interviene a proposito di bicicletta, sulle pagine bolognesi del quotidiano la Repubblica con un interessante intervento  che comincia così:

Il mercato dell´auto è saturo: sono troppe, al punto da essere d´intralcio più da ferme che in movimento. Del resto, in città sono pressoché ferme anche quelle che si illudono di muoversi… È provato che nel traffico ci si sposta più velocemente in bici che in auto, eppure, mentre nelle altre città europee viene incentivato l´uso dei pedali con piste ciclabili e campagne di sensibilizzazione, a Bologna accade l´esatto contrario.

Bologna controcorrente, anzi, contromano, come un´anziana signora svampita che non si rende conto di aver imboccato la corsia sbagliata, una signora ancora bella ma completamente rintronata. Ormai fa più danni la pigrizia della guerra.

Continua a leggere su la Repubblica

0 Comments

  1. Bisogna fare cultura.

    Bisogna entrare nell’immaginario collettivo dei bambini.

    Solo se saranno loro, proprio i bambini, a chiedere ai loro papà, ai nonni, alle mamme e agli zii, d’accompagnarli a fare un giro in bicicletta, avremo speranza.

    Un tempo, sulla spiaggia, si sentiva arrivare il rivenditore dei bomboloni, diceva:

    “Piangete bambini, piangete … che la mamma vi compra il bombolone !”

    Si sa. E’ bene fare merenda dopo il bagno.

    Adesso si dovrebbe dire:

    “Piangete bambini, piangete … che papà vi porta a fare un giro in bicicletta !!”

    E’ bene andare in bici, anche se non si fa il bagno. Si sa.

    Domani sera, sabato 26, ore 22,30, via Paderno 9, Bologna, al “Fienile Fluò” c’è una festa e si contribuisce all’acquisto di un risciò ad energia solare.

     

  2. Domenica scorsa ho rischiato di morire investito da un automobilista folle che correva a 100 km/h sui viali… dopo aver guardato e segnalato, mi sono spostato sulla corsia di sinistra per svoltare su via Saragozza, e il folle mi ha sorpassato da destra sfiorandomi e poi insultandomi pesantemente. Eppure non ho violato nessuna norma: svoltavo a sinistra dopo aver regolarmente segnalato il mio cambio di corsia. Sono stufo di questa situazione. Voglio che il Comune venga obbligato a realizzare IMMEDIATAMENTE piste ciclabili sicure su tutte le vie importanti della città, a cominciare dall’anello dei viali. La loro realizzazione non è un optional ma un dovere: ogni cittadino ha il diritto di percorrere in bicicletta qualunque strada in totale sicurezza. Vi prego, tempestiamo il Comune di proteste e di richieste finché non sarà costretto ad ascoltarci.

Leave a Response