Mostra d’arte per la bicicletta

Gli dèi donarono agli esseri umani la ruota e questi ne misero una davanti all’altra inventando la bicicletta. Allora gli dèi invidiosi inventarono le forature. Ma gli umani ciclisti inventarono le toppe. A quel punto gli dèi sorrisero divertiti e concessero le piste ciclabili.”


Possono due toppe da bicicletta diventare arte? Certo che sì se il contesto è quello della mail art (arte postale) e se a cimentarsi nella sfida è un signore come Pino Cacucci.

Ci sarà infatti anche un’opera dello scrittore bolognese, tra quelle che sarà possibile ammirare nel corso della mostra Mail art for bike dedicata alla due ruote a propulsione umana e allestita a Imola nei locali della Galleria del Risorgimento (Via Appia 5) in occasione del Mail art for bike.
Ebbene, quella presentata a Imola, è proprio una selezione del più ampio progetto  ospitato e promosso sin dalla nascita da www.ilikebike.org. Una selezione di oltre un centinaio di opere  che sarà possibile ammirare nella loro originale (e non digitale) bellezza.
Ecco che dall’Argentina alla Germania, dalla Spagna alla Lituania, dalla Russia agli USA (dove la mail art ha mosso i primi passi negli anni ’60 grazie a Ray Johnson considerato il padre di questa corrente artistica), non mancheranno le risposte interpretative della bicicletta.
E ovviamente ci saranno opere di artisti italiani tra i quali segnaliamo un nome per tutti: Anna Boschi l’artista nata a Bologna e che negli anni ha fatto di Castel San Pietro Terme la patria della mail art in Emilia Romagna.
In tempi in cui a volte l’arte diventa intrattenimento inutile o mercato senza senno qui ci si muove in un solco preciso: intercettare e far crescere la sensibilità verso la bicicletta. E promuoverne l’uso quotidiano.
Quindi se volete fare bene a voi stessi  e al vostro mondo, non vi resta che visitare la mostra.  Arrivando in bicicletta naturalmente. Perché Imola e i tanti  imolesi che si spostano con questo mezzo, lo meritano!
Vabbè, anche con i mezzi pubblici  può andar bene… Dalla stazione dei treni non c’è molta strada da percorrere
.

Orari di apertura dal 6 al 16 febbraio:
mattina 10.30 – 12.30. Pomeriggio 16.30 – 18.30 (eccetto che per il 14 e 16 febbraio quando la mostra nel pomeriggio rimarrà aperta dalle ore 14.30 alle 19.00

Leave a Response