La cura pe’ la felicidà di Floriana Alberelli

Nelle mie poesie riferimenti alla bici entrano ormai naturali.
Sono appena tornata da un giro cicloturistico sul Delta del Po, Ferrara e Comacchio ( 270 km in 3 giorni). Sorprendente trovarsi in un mondo dove i ciclisti sono trattati come esseri civili.

Da la vida ho rlevado muntobè
e a mozzichi ‘l core m’ha sfinido,
ma ‘l dolore cià de bono che
te fa capì quel che nun hai capido.

‘na carezza al grà mentre pedali,
‘n goccio d’acqua pe’ lavà via ‘l sudore,
fa’ finta de volà pure senz’ali,
sentì ch’el vento è l’unigo rumore.

E riposasse sott’a ‘n vecchio faggio,
rubbà ‘n corbezzolo che sa de mare,
perdese ‘n mezzo ai fiori a maggio,

tra i sassi bianghi mettese a cercà,
rcoje quello che più brillante ‘pare,
quess’è la cura pe’ la felicidà.

La traduzione la trovi qui

Leave a Response