Un esemplare carteggio civile

Vittorio Marletto (assiduo coautore di questo sito) e Andrea Mazzetti (vice direttore del Settore Mobilità del Comune di Bologna) non sono nuovi a scambi di battute in punta di fioretto. Quello che riportiamo qui di seguito ci sembra un ottimo esempio di “dialogo tra cittadini e istituzioni”.  Cittadini e istituzioni, qui sotto, si incarnano in due persone vere e non rimangono categorie astratte. Ecco perché sono un esempio a cui guardare. Perché è un carteggio che vale molto di più di tanta “partecipazione” spesso blaterata e mal praticata. Ad entrambi va il grazie di chi ha a cuore la bicicletta ( e quindi la città).

Gentile dott. Mazzetti,

Via del Cane fa parte di uno dei percorsi ciclistici del centro raccomandati dal Comune (segnali verdi). Nella foto che le allego si nota infatti la presenza dell’indicazione per i ciclisti diretti verso i tribunali. Si nota anche la contemporanea assenza dell’eccezione per i ciclisti stessi, al di sotto del grande cartello stradale di divieto d’accesso. Sull’altro lato manca invece del tutto la segnaletica. La barriera metallica, troppo larga, consente il frequente passaggio dei motociclisti.
Il fondo stradale della viuzza, dopo tre anni di cantiere Pizzardi, è in condizioni pessime (buche e tagli longitudinali) e necessita con urgenza di un nuovo strato di asfalto. Lo stesso problema c’è anche nella prosecuzione (via de’ Mattuiani, fino a via Cavour).

Nella parte terminale della strada (incrocio Marsili) il marciapiede, delimitato da paletti, è ostruito da due cassonetti Hera. La conseguenza è che i pedoni stanno in mezzo alla via e che il marciapiede stesso diventa posteggio (mai represso) per decine di motociclisti diretti all’auletta della fondazione forense (mi pare si chiami così).Per farla breve, via del Cane ha bisogno di un aiutino urgente.

Grazie per l’attenzione e cordiali saluti

Vittorio Marletto

Gentile Sig. Marletto,

La ringraziamo per le Sue segnalazioni, buona parte delle quali ci sono utili per rilevare situazioni in cui è possibile intervenire a miglioramento delle condizioni di mobilità ciclopedonale della città. Nello specifico dei temi sollevati nella Sua cortese nota del 15.01 scorso, precisiamo quanto segue: 1) la segnaletica posta all’ingresso di Via del Cane provenendo da Via Farini necessita effettivamente di una modifica. Previa modifica dell’ordinanza della via, il segnale di senso vietato attualmente presente sarà sostituito con un segnale di divieto di transito (più appropriato alla chiusura fisica della strada) con pannello integrativo “eccetto cicli”, a salvaguardia del transito ciclabile come previsto dal piano di segnalamento implementato lo scorso anno nel Centro Storico. 2) La sistemazione con fittoni e “croci di S.Andrea” all’intersezione Via Farini / Via del Cane appare una buona soluzione di compromesso tra le esigenze connesse al transito degli utilizzatori del tratto chiuso di Via del Cane (pedoni, disabili e ciclisti) e la necessità di effettuare una efficace dissuasione al transito dei veicoli non autorizzati (e non un assoluto blocco peraltro difficilmente realizzabile nelle condizioni date). 3) Per quanto riguarda lo stato manutentivo del manto di usura, le maggiori criticità si riscontrano in Via dei Mattuiani, per la quale il programma lavori del Settore Lavori Pubblici prevede, salvo imprevisti, che nel corso del 2009 venga effettuata la riasfaltatura. Nel caso di Via del Cane, eventuali buche o screpolature verranno chiuse regolarmente durante le attività di monitoraggio nell’ambito delle attività di global service della rete stradale. 4) I due cassonetti posti in Via del Cane presso l’intersezione con Via Marsili, trovandosi in una posizione impropria su un percorso pedonale verranno opportunamente ricollocati il prima possibile. Per quanto riguarda la sosta abusiva di motocicli e ciclomotori sul corsello pedonale di Via del Cane, nel tratto compreso tra Via Morandi e Via Marsili, la presente viene inoltrata anche alla Polizia Municipale per le valutazioni del caso.

Nel ringraziarLa nuovamente cogliamo l’occasione per porgere

Cordiali saluti

Il Vice Direttore Andrea Mazzetti

0 Comments

  1. Ha ragione Bibi nella sua introduzione a questo carteggio che sembra fantascienza: vale molto di più della blaterata democrazia partecipata di cui si fanno belle alcune amministrazioni per poi non tener conto del punto di vista dei cittadini. Senza troppe tavole rotonde e gruppi di lavoro, a Bologna le cose si risolvono in tempi rapidi. A Ferrara, invece, nonostante le segnalazioni, con immenso dolore dobbiamo registrare due ciclisti morti in dieci giorni sulle strade urbane. Il 28 faremo una manifestazione. Siete tutti invitati.

    Giuseppe

    gifo64@yahoo.it

Leave a Response