Rimozione senza preavviso

Attorno alla Stazione Ferroviaria di Bologna spariscono le bici e non è detto che sia per via dei ladri. Periodicamente ci pensa Trenitalia.  Lo ha già fatto in passato e continua a farlo a tutt’oggi, come ci racconta Renata con questa sua lettera giunta in redazione.

Ciao,

ieri mattina la mia bici parcheggiata in stazione a Bologna, lo ammetto, legata ‘abusivamente’ a una ringhiera, e’ stata rimossa dalle FS. 
E’ la seconda volta che mi capita, quindi sapevo gia’ dove l’avevano portata (in fondo al binario OVEST, praticamente l’ultimo capannone delle ferrovie, all’ufficio economato), sono andata a riprendermela e l’ho trovata un po’ ammaccata e col lucchetto ovviamente da buttare.
Io spesso ci provo a lasciarla nelle rastrelliere apposite, ma venendo dalla Bolognina e non dal centro mi verrebbe comodo usare una rastrelliera in piazza medaglie d’oro. Purtroppo trovo sistematicamente piene di bici (a qualsiasi ora, mattina presto, mattina meno presto, pomeriggio, sera…) sia le rastrelliere sul binario ovest che quelle  nel cortile da cui si accede passando sotto al voltone di piazza medaglie d’oro. L’unica in cui si trova posto e’ quella ancora piu’ imboscata in quel cortile, oltre gli uffici dei sindacati.
Pero’ poi la fretta spesso e’ tanta, il treno che devo prendere parte dal binario ovest e cosi’ la lego al volo a un palo o ad una ringhera vicino all’ala ovest della stazione.  Quello che mi fa rabbia e’ che le FS e il comune di Bologna poi si vantano tanto delle aste di bici che organizzano in via Zamboni con ‘le biciclette abbandonate in stazione‘. Ma che abbandonate?!!
Te le rimuovono senza preavviso e basterebbe un foglio A4 legato ai pali e alle ringhiere del piazzale che avvisa che il giorno tale ci sara’ il ‘repulisti’. (avviso  che peraltro danno in occasione delle commemorazioni del 2 agosto, dal 25/26 luglio compaiono i cartelli e sai che dal 31 luglio non devi lasciare li’ la bici).
Poi non e’ che ti lasciano un avviso di come riaverla, nooo, devi chiedere alla polizia, che ti dice che non te l’ha rubata un ladro ma sono state le ferrovie, poi vai a chiedere al servizio clienti che ti manda all’ufficio economato e finalmente ritrovi la tua bici in mezzo ad altre 300 circa. Il bello e’ che l’omino che te la rida’ dice che solo il 20% viene reclamato dal legittimo proprietario, le altre (e molte sono belle bici pulite e funzionanti che sono state usate fino al giorno prima, mica catorci abbandonati!!) rimangono li per un po’ e poi vanno all’asta. Ma se non mettono un cavolo di annuncio che  le hanno rimosse, l’80% dei proprietari pensera’ che gli l’ha rubata un tossico e amen


..vabbe’ scusate lo sfogo, investiro’ i miei ricchi 12 euro in lucchetto antiscasso per la bici (che di per se varra’ si e no 30 euro!) e vedro’ di arrivare sempre 10 minuti prima in stazione per farmi un giro di tutte le rastrelliere alla ricerca di un posto…


ciao,

Renata

0 Comments

  1. Cara Renata mi spiace per quel che ti è capitato però dovresti veramente sforzarti di posteggiare nelle rastrelliere, dall’anno scorso ne hanno messe una quantità “industriale” dietro Porta Galliera, per te che arrivi dal ponte Matteotti si tratta di attraversare il viale in bici e poi riattraversarlo a piedi, cinque minuti in più che possono risparmiare un mare di seccature… Ciao!

  2. Buongiorno… mi è successo anche a me, per ora una sola volta. Volevo sapere che orari fa l’economato, vorrei provare di recuperarla.

    Cmq sono pienamente daccordo con Renata,è quasi un abuso… Non costerebbe nulla lasciare un fogliodi avviso.

    Ciao

    Matteo

Leave a Response