Cicloton

Adam ha 15 anni, quasi 16, e vive a Città del Messico. E’ arrivato dall’Italia assieme al padre. E’ un ragazzo curioso, inquieto come spesso gli adolescenti. Ascolta il punk anni ottanta perché è la musica che gli ha fatto scoprire lo zio Ezio. Ama la sua bicicletta, alla quale ha dato anche uno nome. La storia di Adam è stata scritta da Max Mauro nell’arco di un anno e pubblicata a puntate in internet nell’ambito del progetto letterario Estrangeiros/Stranieri, promosso dalla scrittrice brasiliana Daniela Abade. Il progetto ha coinvolto sette autori di sette paesi diversi (Australia, Canada, Argentina, Brasile, Messico, Austria, Italia) che si sono “scambiati” le città di origine ambientadovi delle storie dedicate al tema del sentirsi “stranieri”. Nel sito sito www.estrangeiros.com.br  si possono trovare tutte le informazioni sugli autori. La storia di Adam si può leggere per intero ciccando QUI.  Di seguito, una frammento con protagonista la bicicletta. Il Cicloton* è stato divertente, più divertente della volta precedente. Adesso conosco un po’ la città, conosco certi posti, e rivederli senza il traffico delle auto mi ha dato una sensazione particolare, come quando entri in una stanza dopo che è stata imbiancata di un nuovo colore. E’ sempre la stessa stanza, ma è diversa, di solito è più bella, almeno se ti piace il colore. Attraversare Città del Messico con la bici è come dare un nuovo colore alla città, ai grattacieli, alle piazze, ai giardini. Un colore più bello, ovviamente.

Ramon è venuto ma si è lamentato che sudare gli rovina la pettinatura. In effetti faceva caldo e pedalare per 30 chilometri attraverso la metropoli non è stato facile. Secondo me però avere un look preciso è un problema, soprattutto per i capelli. Se uno ha un taglio emo, cioè i capelli lisci stirati che scendono lungo il viso, deve fare il possibile per non rovinarlo altrimenti perde senso il suo essere emo. Io non ho quel problema perché coi capelli ricci il taglio emo non funziona! Forse Ramon scherzava, non so, alla fine mi è sembrato contento di essere venuto a pedalare, ha perfino comprato una maglietta che vendevano in uno dei posti di ristoro. C’erano dei chioschi dove offrivano panini e bibite e altri chioschi per la riparazione delle bici, con dei meccanici che aiutavano le persone per qualsiasi tipo di problema. In uno di questi chioschi vendevano delle magliette con la scritta: “Con l’auto consumi carburante, con la bici calorie”. Ramon ha detto che la vuole regalare a suo cugino, perché è un po’ ciccione. Mi sembra un’idea simpatica, ma non so come la prenderà suo cugino. Durante una delle soste ci siamo seduti su di una panchina a lato della strada e ho letto il testo di uno di quei grandi tabelloni che si trovano un po’ dappertutto nel Defe**, quelli con la scritta “Muovete en bici!” (Muoviti in bici!). Li avevo visti spesso ma non mi ero mai fermato a leggere quello che ci stava scritto. Sono dei tabelloni per invitare le persone del luogo e i turisti a conoscere la città usando la bici. Oltre alle informazioni turistiche contengono dei consigli tipo quello delle banane contro i crampi che c’era nel volantino del Cicloton. Per esempio, c’è scritto che “la bicicletta riduce la incidenza dei problemi cardiovascolari, l’alta pressione, i problemi di soprappeso, l’obesità e il diabete”. Ramon ha riso del mio interesse per i tabelloni, ha detto che dovrei studiare ciclistica o qualcosa di simile. Uno scienziato della bici, ma va! Io mica lo so quello che voglio fare da grande, cosa studiare, non so nemmeno dove voglio vivere. No, sì, a dire la verità vorrei vedere molti posti e vederli in bici, ecco! Intanto comincio da questo, che è già molto grande. Ramon ha detto che sono pazzo come una capra, loco como una cabra, ma che forse la mia idea del gruppo ciclo-punk non è stupida. Lo so, potrebbe essere divertente: un gruppo che canta canzoni dedicate alla bici e che invita tutti ad andare ai concerti in bicicletta. Però niente alcol ai concerti perché una truppa di ubriachi in bici sarebbero un incubo! O forse no, birra e bici in libertà, sì, è più divertente così. *Cicloton è una pedalata promossa ogni ultima domenica del mese dall’amministrazione di Città del Messico **Defe è la contrazione di Districto Federal, l’aerea amministrativa della capitale messicana.

0 Comments

  1. Sarebbe bello se gli utilizzatori della bici, scrivessero le loro sensazioni, sia durante l’uso quotidiano, sia durante un’esperienza turistica.

    Si potrebbero avere dei fini pratici, conoscere percorsi già praticati da altri, magari meno trafficati o meglio percorribili, rispetto a quelli che potrebbe pedalare un non esperto di quei quartieri, di quelle contrade, paesi e città, per chi vuole fare del turismo.

    Grazie, ciao

Leave a Response