Cancelli chiusi ai ciclisti di Bologna

Da quattro anni, da quando cioè mio figlio ha cominciato le elementari, chiedo inutilmente all’amministrazione comunale bolognese di aprire un cancello dei Giardini Margherita (il principale parco cittadino) al transito delle biciclette. Ho scritto al presidente del quartiere Forlani, al sindaco Cofferati (col quale ho anche parlato mostrandogli il cancello in questione, quello prospiciente Porta Castiglione), al dirigente dei giardini Diolaiti (anche con questo signore, l’unico che ha davvero il potere di farlo aprire, ho parlato direttamente), ai giornali locali, che in diverse riprese hanno pubblicato le mie perorazioni. Niente. Il cancello, come vedete dalla foto scattata ieri mattina, resta chiuso (è quello grande sulla destra) di conseguenza i ciclisti, insieme ai pedoni, devono accedere al giardino (e alla scuola che i giardini ospitano) attraverso il cancello pedonale. Ogni mattina e ogni pomeriggio dei giorni feriali una piccola frotta di ciclisti (mamme papà ma anche bambini, nonni e altre persone a pedali) devono negoziare lo stretto passaggio, saltando su e giù dai marciapiedi. Oltretutto, quando il tempo è bello, sullo stesso marciapiede passano anche decine di motorini che in barba al divieto accedono a motore acceso nei giardini, dov’è inopinatamente collocato un parcheggio per motocicli. L’anno prossimo ci sono le elezioni comunali, Cofferati non si ricandida. Spero di non dover rivolgere la stessa preghiera al nuovo sindaco: APRITE QUEL CANCELLO! 

Leave a Response