Rimuovere la cattiva coscienza

Ci segnala Luca che in via Saragozza hanno già rimosso il cartello in cui c’era scritto “qui è stato ucciso Paride di 24 anni” e i fogli appesi per spiegare cos’è una ghost-bike. Non sappiamo chi lo abbia fatto e con quale fine. Deporre una bici bianca in memoria di un ciclista morto e rimuoverla, sono entrambi piccoli ma emblematici gesti di una comunità dilaniata. Che vede da una parte chi prova a esprime compassione – che vuol dire patire con, anche con l’automobilista che quella domenica di febbraio ha travolto Paride – e cerca, con una lapide alla memoria, di ricostruire legami spezzati; dall’altra, un altro segmento di comunità che rimuovendo quei simboli ritiene magari di rimuovere il problema e il sangue versato su quella strada. O di restituire decoro alla strada. La strada è la casa di tutti. Li’ il decoro pensiamo si debba misurare non con il falso lindore, ma con la compostezza con cui si vive il dolore. Se pensi che quella bici non debba essere rimossa firma la Petizione!

Tagged as: ,

0 Comments

  1. Non vogliamo desistere.

    Hanno già rimosso una ghost-bike e ora hanno già tolto il cartello con la scritta per Paride, ma noi continueremo, con la volontà di far riconoscere questo piccolo gesto.

    Vogliamo che rimanga un segno di questa morte per auspicare vita nella nostre città.

    Inizieremo con i residenti. Parlando, spiegando, invitando a prendersi cura della “ghost-bike”, che vorremmo diventasse patrimonio collettivo degli abitanti.

    Continueremo con la raccolta firme e con la pressione sulle istituzioni di quartiere, affinché anch’esse riconoscano questo gesto.

Leave a Response